News

Immobili strumentali, la deducibilità Imu passa dal 20 al 40%

Immobili strumentali, la deducibilità Imu passa dal 20 al 40%

Dal 2019 l'Imu che imprese e professionisti versano sugli immobili strumentali è deducibile dalle imposte sui redditi in misura pari al 40% e non più al 20% come avvenuto dal 2014 sino al 2018.

La legge di Bilancio 2019 (legge 143/2018) interviene, allo scopo, sul testo dell'articolo 14, comma i, del Digs 23/2011, senza modificare ne l'integrale deducibilità di tale importo ai fini Irap, ne la totale detraibilità della Tasi. Per espressa previsione di legge, rimi e l'Imis delle province autonome di Bolzano e Trento seguono lo stesso regime di deducibilità dell'Imu.

La questione alla Consulta_L'intervento si deve forse anche alla pendenza presso la Corte costituzionale della questione di legittimità della norma, per effetto dell'ordinanza di rinvio della Commissione tributaria provinciale di Parma (n. 271 del 5 luglio 2018, si veda II Sole-24 Ore del 13 luglio). I giudici di merito hanno, infatti, ritenuto rilevante e non manifestamente infondata la questione sollevata nell'ambito del giudizio sul rimborso d'imposta per gli anni dal 2012 al 2014. Ricordiamo che fino al 2012 l'articolo 14 del Digs 23/2011 prevedeva l'integrale indeducibilità dell'Imu dalle imposte sui redditi e dall'Irap.

La legge di Stabilità 2014 ha previsto la deducibilità parziale al 20% (30% per il periodo d'imposta 2013) dalle sole imposte sui redditi e relativamente agli immobili strumentali. Secondo i giudici parmensi, tale parziale indeducibilità finisce per collidere con il principio di capacità contributiva, in quanto l'imposizione grava su un reddito che è al lordo di una fetta significativa di un costo sicuramente inerente all'attività d'impresa o professionale. Se la forfetizzazione della deduzione, in altre situazioni, può essere giustificabile a fronte di un potenziale utilizzo promiscuo del bene o della facilità di accertamento, nel caso di specie non si fonda su alcun collegamento aritmetico o logico, anche vago, divenendo arbitraria.

È vero che, in molte pronunce, la Corte costituzionale fa ampio rinvio alla discrezionalità del legislatore, ma in questo caso appare difficile giustificare, ad esempio, come mai, sullo stesso immobile, la Tasi è deducibile integralmente mentre l'Imu lo è solo parzialmente. Una eventuale illegittimità pronunciata dalla Corte renderebbe applicabile l'articolo 99, comma i, Tuir e aprirebbe la strada ai rimborsi.

Il raggio d'azione_Gli immobili interessati dal raddoppio di deducibilità con decorrenza 2019 sono quelli di cui all'articolo 43 Tuir, vale a dire quelli utilizzati esclusivamente per l'esercizio dell'arte, della professione o dell'impresa (non ad uso promiscuo: circolare n. 10/ E/2014). Per le imprese si tratta degli immobili "strumentali per natura" o "per destinazione", con esclusione, quindi, di quelli "patrimonio" (articolo 90 Tuir) e di quelli "mercé". A ben guardare, se sui primi l'indeducibilità dei componenti negativi di reddito è normalmente prevista dal Tuir (con l'eccezione delle spese di manutenzione e degli oneri finanziari per l'acquisto), sui secondi la mancata deduzione pare a sua volta confliggere con il principio di capacità contributiva. La deducibilità maggiorata al 40% dovrebbe riguardare anche gli immobili strumentali assunti in locazione finanziaria o demaniali in concessione (su cui l'Imu è a carico del- l'utilizzatore: articolo 9, comma i, Digs 23/2011). Inoltre, poiché la disposizione si riferisce agli "immobili" e non semplicemente ai "fabbricati", dovrebbero rientrarvi anche le aree strumentali e quelle (non locate) delle società che esercitano l'attività agricola di coltivazione (circolare n. 11/1991), in mancanza di opzione per la determinazione catastale del reddito. Per tutti questi immobili, l'Imu è una "patrimoniale", che non sostituisce neppure il reddito fondiario, come accade (a certe condizioni) per gli immobili abitativi. Più discutibile è la deducibilità in capo all'affittuario, qualora sia contrattualmente previsto il riaddebito.

La circolare io/E/2014 ha precisato che costituisce costo (parzialmente) deducibile l'Imu di competenza, a condizione che l'imposta sia pagata nel periodo d'imposta (principio di "cassa anomala"), per effetto di quanto previsto dall'articolo 99, comma I, Tuir.